La saga di fantascienza Genius ha trovato un editore! Qui di seguito troverete anche i primi capitoli dei tre romanzi.

Che minchione le formiche! è il mio ultimo romanzo, che potrete leggere qui di seguito, pubblicato sul mio blog poche pagine per volta, partendo dal post intitolato I miei romanzi e proseguendo in sequenza progressiva con i vari capitoli e le loro parti (es.: Che minchione le formiche! I-2p, I-3p...).

Buona lettura!

Genius_01

Genius_01
Genius_01 - ebook in vendita su Simplicissimus.it

martedì 5 luglio 2011

L'artigianato della scrittura - I parte

Non ho intenzione di mettermi in competizione con i vari corsi di scrittura creativa, ma solo fornire alcune regole di massima per chi voglia scrivere senza strafalcioni e cadute di stile grossolane.

Per prima cosa, pensiamo al nostro CONTENUTO:
1)  scriviamo anche alla rinfusa tutte le informazioni che intendiamo veicolare,
2) ordiniamo le suddette informazioni in un progetto di massima (premessa, svolgimento, conclusione; premessa, finalità, obiettivi, attività, metodologia, timing...).

Solo quando siamo sicuri sulle prime due fasi preoccupiamoci della FORMA:
1) scrivere significa comunicare e il nostro lettore deve comprendere nel modo più diretto e chiaro le nostre informazioni, quindi ricordiamoci di arrivare sempre da un punto A ad uno B nel modo più breve possibile e con la terminologia più adatta,
2) verifichiamo che i nostri soggetti siano sempre espressi;
3) controlliamo che non ci siano ripetizioni, se non strettamente inevitabili (un buon dizionario dei sinonimi può essere di grande aiuto),
4) lasciamo gli anacoluti agli artisti, gli artigiani della scrittura preferiscono strutture più lineari,
es.: "Quelli che moiono, bisogna pregare Iddio per loro" (A. Manzoni) da chi non è Manzoni andrebbe riscritto in "Per quelli che muoiono bisogna pregare dio";
5) evitiamo assolutamente gli errori di ortografia (dizionari e correttori digitali d'ortografia sono ottimi ausili);
6) citiamo in altre lingue solo se siamo certissimi di farlo correttamente;
7) limitiamoci a periodi grammaticali brevi o brevissimi, di massimo tre predicati (corrispondono all'incirca ai verbi), dopo di che inseriamo un punto fermo (. ! ?);
8) utilizziamo elementi di collegamento sintattici (dunque, così, infatti, in conclusione...);
9) l'uso della punteggiatura è il respiro del nostro testo (ma questo è un argomento un po' più complesso e ne parlerò la prossima volta :))
10) non dimentichiamoci della coerenza verbale (idem).